Oggi introduciamo la resina elastica Formlabs: un materiale di stampa 3D morbido e resiliente

Ideas Factory | Stampa 3D, Cnc, Progettazione, Modellazione 3D e Render, Consulenza e Formazione, Ancona

Oggi introduciamo la resina elastica Formlabs: un materiale di stampa 3D morbido e resiliente

Formlabs presenta Elastic Resin, l’ultima aggiunta alla libreria di resine ingegneristiche per la stampante 3D per stereolitografia desktop (SLA) di Form 2.

La resina elastica è la più flessibile delle loro resine ingegneristiche, con una durezza Shore da 50A e un elevato allungamento e ritorno di energia. Le parti stampate in questo materiale sembrano e si comportano come una parte in silicone stampato e sono sufficientemente resistenti da essere utilizzate per più cicli.

Continuate a leggere per scoprire come l’utilizzo di Elastic Resin può ridurre tempi e costi di progettazione, assistenza sanitaria e altro, e perché ora è possibile stampare direttamente materiali morbidi e resistenti come questo su stampanti desktop.

Materiali elastomerici: una categoria emergente

In genere, le parti in silicone morbido e uretano per applicazioni come dispositivi indossabili, modelli medicali, robotica e puntelli per effetti speciali sono prodotte mediante tecniche di stampaggio esternalizzando la realizzazione.

Alcuni materiali morbidi per la stampa 3D diretta hanno iniziato a comparire nel corso degli anni, ma le parti stampate in questi materiali potrebbero durare solo uno o due cicli e non offrono l’impressione che ci si aspetta da una oggetto “simile al silicone”. Lo sviluppo di resine in stereolitografia morbida (SLA) può essere difficile. Le parti devono essere altamente elastiche, ma abbastanza forti da non strappare durante la stampa: due proprietà sono tipicamente diametralmente opposte.

Produrre materiali elastici di qualità una volta era possibile solo con le costose attrezzature industriali, ma con stampanti 3D economiche di qualità industriale come la Form 2, che abbiamo nel nostro laboratorio di stampa 3D ad Ancona, e nuovi progressi registrati grazie alla Resin Tank LT, è possibile produrre parti elastiche sul desktop in poche ore.

Tempi di consegna più rapidi per lo sviluppo rapido dei prodotti

Per aziende come NeoSensory, designer di prodotti indossabili che creano nuove esperienze sensoriali, e RightHand Robotics, un progettista di pinze robotiche per linee di produzione, la capacità di prototipare rapidamente parti in silicone prima della produzione è fondamentale per lo sviluppo di successo dei prodotti finali con il potenziale di cambiare un’industria.

Ingegneri e progettisti di prodotti hanno tradizionalmente utilizzato le tecniche di stampaggio (come lo stampaggio RTV, lo stampaggio a trasferimento e lo stampaggio a iniezione) per creare brevi serie di prototipi in silicone. La stampa diretta di queste parti consente di risparmiare tempo e fatica, consentendo una iterazione più profonda e cicli di sviluppo dei prodotti più brevi.

Si può utilizzare la resina elastica per produrre lotti di parti flessibili morbide di piccole e medie dimensioni con la possibilità di apportare modifiche al design tra e all’interno di lotti. La produzione di stampi può essere preferibile per produrre numeri più grandi della stessa parte o per utilizzare il materiale di produzione finale durante le fasi successive dello sviluppo.

“Cercavamo un materiale più morbido con maggiore allungamento per la prototipazione di impugnature e pezzi di protezione del telaio. Fino ad ora utilizzavamo urtano per fondere queste parti morbide in stampi stampati in 3D. Le parti che abbiamo stampato in resina elastica simulano molto bene il TPU 50-60A. La stampa diretta di queste parti sarà un grande risparmio in termini di costi e tempo. La resina elastica è una grande aggiunta alla nostra biblioteca di materiali “.
-Jeremy Mikesell, direttore tecnico, ricerca presso Cycling Sports Group

Riduzione dei costi per i modelli anatomici specifici di un paziente

Chirurghi, ricercatori, radiologi e altri operatori sanitari si basano su modelli medici specifici del paziente per prepararsi meglio a casi e operazioni complesse. I modelli facilitano una migliore comunicazione sia all’interno dei team chirurgici che tra professionisti e pazienti. Abbiamo sentito molte richieste da parte di professionisti del settore sanitario per un materiale chiaro e flessibile a supporto di casi in chirurgia cardiaca, neurochirurgia, oncologia chirurgica e altre specializzazioni.

Storicamente, i modelli medici da fornitori di servizi e macchine industriali tradizionali sono stati proibitivamente costosi, con tempi di consegna lenti. La possibilità di stampare in modo rapido e conveniente modelli di pianificazione educativa e preoperatoria in 3D, espande l’accesso all’intero settore e siamo entusiasti di vedere il futuro impatto di Elastic Resin su medici, ricercatori e pazienti.

“L’opacità della resina elastica illumina bene le cavità interne e la sua durata significa che educatori, tirocinanti e medici possono gestire ed esaminare i modelli senza preoccuparsi di rotture. Questo materiale sarà di particolare interesse per i chirurghi cardiovascolari e per i radiologi interventisti, così come per quelli che conducono studi di fluidodinamica e lavorano in laboratori di cateterizzazione. È relativamente economico se confrontato con altri materiali simili sul mercato, che possono solo aiutare ad accelerare l’adozione della stampa 3D in medicina “.
-Sanjay Prabhu, MBBS, FRCR; Neuroradiologo pediatrico e direttore clinico, SIMPeds3D, Boston Children’s Hospital